Ultimi Eventi


Si riparte dalla cura di se stesse, dall’autostima e dal benessere emotivo e sessuale. Il progetto “Una carezza in un pugno”, che punta alla promozione della parità di genere, torna a occuparsi concretamente della sua comunità.
Un incontro molto interessante presso la Fondazione Famiglia di Maria, con la ginecologa e sessuologa Raffaella De Simone e la cantautrice Assia Fiorillo:
“Ho accettato con piacere di partecipare a questa iniziativa in cui le donne saranno protagoniste – ha commentato la dottoressa Raffaella De Simone – Con il loro aiuto io cercherò di parlare d’amore, di sentimenti, di emozioni, di sessualità. Lo farò cercando di portarle per mano per aprirsi a discorsi diversi. Insieme cercheremo di trovare un filo conduttore attraverso un’esperienza alternativa, perché sarò affiancata da una cantante che attraverso la musica ci aiuterà a tirare fuori questi sentimenti, queste emozioni”. Invito raccolto con entusiasmo da Assia Fiorillo, che ha spiegato di aver accettato perché “credo che la musica sia un mezzo perfetto per avvicinare le persone, facendole sciogliere ed aprire, perché comunica con la dimensione profonda di ognuno di noi. In questa occasione sarà il mezzo per introdurre argomenti non sempre facili da affrontare come la sessualità, l’erotismo o le relazioni, anche quelle tossiche. Sarà sicuramente un esperimento molto interessante ed emozionante”.


Pronti a ricominciare:

Oggi le due dirigenti scolastiche dell’I.C. 68 Rodinò, Annamaria Leo, e dell’I.C. 47 Sarria Monti, Teresa Sasso, ci parlano del progetto Una carezza in un pugno e delle attività che finalmente piano piano ricominciano.

Oggi vi presentiamo due delle quattro dirigenti scolastiche degli istituti che partecipano al nostro progetto “Una carezza in un pugno” per la parità di genere. Grazie a Rosa Seccia, dell’I.C. Madre Claudia Russo Solimena di Barra, e Barbara Di Cerbo, dell’I.C. Istituto Comprensivo “Aldo Moro” Napoli di Ponticelli. Perché la scuola è stata costretta a rallentare… ma non si è mai fermata!

Come promesso, eccoci qui pronti a ricominciare. Il contrasto alla violenza di genere è e resta il nostro impegno quotidiano e non possiamo venire meno a questo impegno civile. Ripartiamo, con tutte le misure di sicurezza possibile, dal distanziamento all’uso delle mascherine ai laboratori a distanza, ma ripartiamo!

“C’è un circolo virtuoso nello sport:
più ti diverti più ti alleni,
più ti alleni più migliori,
più migliori più ti diverti”.

Chi l’ha detto che il rugby è uno sport soltanto maschile? Venerdì a Barra, all’istituto comprensivo Madre Claudia Russo Solimena, abbiamo presentato “Terzo Tempo Rosa” e dato l’avvio alle attività di rugby femminile con le ragazze delle scuole e la Fondazione Famiglia di Maria, grazie al progetto #UnaCarezzaInUnPugno.
Grazie a tutti quelli che hanno partecipato e soprattutto alle ragazze della squadra femminile Sirene Partenope AP Partenope Rugby per la loro testimonianza e presenza!

Dipartimento Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri
Anna Riccardi #NapoliEst #Rugby #RugbyFemminile

L’incontro di ieri con Anna Maria Scarfò è stato bello, intenso, emozionante. Abbiamo ascoltato la sua storia fatta di coraggio, di fiducia nelle istituzioni e di voglia di ricominciare. Noi ci teniamo a ringraziarla ancora una volta per la condivisione e siamo felici di poterla chiamare nostra amica, amica della Fondazione Famiglia di Maria e di tutti gli allievi delle scuole della rete che sono intervenuti. Grazie a lei, alla presidente Anna Riccardi, alla giornalista Amalia De Simone e a tutte le donne, a tutti gli uomini e a tutti i bambini che hanno partecipato.

View this post on Instagram

Abbiamo avuto l’onore di conoscere la Fondazione Famiglia di Maria suonando all’ evento ”Una carezza in un pugno”, sul tema della discriminazione di genere vista da bambine e ragazze della sesta municipalità. La vergognosa aggressione subita giovedì scorso dalla Fondazione ad opera dei camorruncoli del luogo, ci indigna e ci offende, come donne e come cittadine. Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà ad @annarellariccardi e a tutti coloro che insieme a lei lottano per lo sviluppo e la dignità del territorio. Partecipiamo e invitiamo tutti a partecipare alla raccolta fondi per installare le telecamere esterne e proteggere un luogo prezioso e ricco di bellezza come la Fondazione Famiglia di Maria. Siamo con voi! Qui l’iban per sostenere l’iniziativa: Banca Prossima IT92Z0335901600100000110211 La camorra è una montagna di merda. #lacamorraeunamontagnadimerda #fondazionefamigliadimaria

A post shared by Mujeres Creando (@mujeres_creando) on